lunedì 23 gennaio 2017

Cosa cambia nei nidi? Parola alla Cgil














Intervista. Terzo appuntamento sulla legge che rivoluziona il mondo educativo e dell'infanzia. Fino ad oggi abbiamo incontrato e discusso della legge con la Senatrice Puglisi e il presidente del Gruppo nazionale Nidi che hanno lavorato in stretta relazione per scriverla e farla approvare. Oggi ascoltiamo una voce fuori dal coro, una voce all'opposizione, quella di Maria Luisa  Ghidoli coordinatrice nazionale dei servizi educativi della Cgil. Pur riconoscendo nella legge un impianto positivo, sono molte critiche e le osservazioni, messe in rilievo. Ascoltiamo il punto di vista dei sindacati e cerchiamo di approfondire gli aspetti critici.

venerdì 20 gennaio 2017

Cosa cambia nei nidi? Parola alla senatrice Puglisi

 

Intervista. Continuiamo con il nostro approfondimento sulla legge che avvia definitivamente un percorso educativo 0-6.  L'approvazione dei decreti legge 107 consente ai nidi di entrare nel mondo della scuola. Oggi abbiamo incontrato la Senatrice Francesca Puglisi che da anni si batte per questo cambiamento. L'approvazione del decreto legge non era affatto scontato, ha avuto parecchi ostacoli tra rinvii, ricorsi e sentenze. Vediamo di capire insieme a che punto siamo e come si intende procedere.

giovedì 19 gennaio 2017

Cosa cambia nei nidi? Parola al Gruppo Nazionale Nidi













Intervista. Nidi e scuole dell'infanzia cambiano definitivamente. L'abbiamo già annunciato in un recente post. I nidi sono finalmente riconosciuti come il primo tratto educativo. L'iter legislativo a cui siamo approdati è stato lungo e tutt'altro che semplice. Ci sono stati alti e bassi, accelerazioni in avanti, e rallentamenti pericolosi. Tra le associazioni che hanno maggiormente spinto e lavorato a questa definizione c'è il Gruppo Nazionale Nidi. Abbiamo incontrato Nice Terzi Presidente dell'associazione per un commento articolato sul testo di legge.

mercoledì 18 gennaio 2017

Cosa significa essere maschio o femmina? Parola ai bambini














"Io ho nove anni" è il titolo dell'edizione speciale del National Geographic. Per realizzarlo gli autori, della prestigiosa testata, hanno fatto il giro del mondo e hanno domando ai bambini tre cose. La prima domanda è: che cosa significa per te essere maschio/femmina? Come cambierebbe la tua vita se fossi dell'altro sesso? Che cosa ti rende triste o felice? "Oggi alcune delle convinzioni più radicate sui generi stanno cambiando rapidamente e drasticamente. Ecco perché abbiamo dedicato un intero numero all'esplorazione del concetto di genere, nella scienza, nei sistemi sociali, nelle civiltà umane nel corso della storia" Si legge nel sito. La ricerca è anche online ed è possibile vedere le foto dei bambini e ascoltare le loro parole dal video, che sono a volte commoventi, altre volte giocose e sempre

martedì 17 gennaio 2017

Lavorare al nido con la sindrome di down: la storia di Camille



Tempo fa BolognaNidi ha raccontato la storia di Noelia, giovane educatrice argentina con sindrome di down, oggi vi racconta una vicenda simile: quella di Camille Besson. Anche Camille come Noelia ha un cromosoma in più e come lei lavora a contatto con i bambini: per il micro nido Garderieland che l'ha assunta questa ragazza di 21 anni è la prima giovane con sindrome di down ad aver conseguito un CAp ( certificato di attitudine professionale) per la prima infanzia in Francia. Dato questo smentito dal sito  francese handicap.fr  e da suoi diversi lettori che affermano di conoscere delle altre educatrici con sindrome di down con lo stesso titolo. Affermazioni che nulla tolgono alla notizia ma che semmai devono spingerci a riflettere.

lunedì 16 gennaio 2017

Cosa cambia nei nidi?












Cronaca Nazionale. Il Consiglio dei ministri ha approvato, in esame preliminare, otto decreti legislativi della Buona Scuola (più precisamente l’articolo 1, comma 180, della legge 13 luglio 2015, n. 107). Le novità sostanziali si registrano sul tratto educativo 0-6 che vede un'unione dei nidi e delle scuole d'infanzia. Per la prima volta i nidi sono riconosciuti come il primo grado educativo dell'individuo. Ed è una novità grande a cui gli addetti ai lavori amministrazioni locali, associazioni, sindacati, cooperative ecc ecc hanno lavorato con costante impegno per anni. Nel comunicato stampa del governo si legge: "Il provvedimento valorizza l’esperienza educativa dalla nascita a sei anni, con l’obiettivo di dare adeguata collocazione a tale esperienza all’interno del percorso di formazione della persona. Il decreto, tenuto anche conto dell’orientamento europeo, elimina la cesura tra i due periodi dell’infanzia, fornendo indicazioni e linee guida per servizi educativi e di istruzione di qualità." Per la diffusione sul territorio nazionale di poli educativi 0-6 sono riconosciuti 229 MLN di Euro annui da parte dello Stato.
Cosa cambia?

sabato 14 gennaio 2017

E il gioco si fa arte: una mostra da visitare























Arte Bambina. Ci sono ancora pochi giorni per poter visitare la mostra The art of the Brick solo fino al 29 gennaio. Il luogo è la Fabbrica del vapore di Milano e la mostra è una delle dieci al mondo assolutamente da visitare, secondo l'autorevole parere della CNN. E davvero ne vale la pena, sia per i piccoli, che per i grandi, perché l'arte e la creatività non ha età e riesce a parlare direttamente ad ognuno. Si tratta di una personale dell'artista americano Nathan Sawaya, una mostra che piace a tutti fin da subito, perché sa stupire ed è  divertente. Quando era bambino Sawaya amava i lego, i piccoli mattoncini colorati, con cui tutti abbiamo giocato e con cui ancora oggi, i nostri figli, giocano. Diventato grande, dopo una breve carriera da avvocato, lascia la toga e ritorna a giocare con i lego. Oggi pare ne abbia collezionati diversi MLN e con questi ci fa di tutto, ma proprio tutto! La creatività è imprevedibile e non si sa mai cosa sarà in grado di realizzare e con quale strumento. In mostra ci sono oltre ottanta opere, tutte rigorosamente in tre dimensioni, e che stupiscono non solo per come sono realizzate, ma anche per ciò che rappresentano. Infatti ci sono soggetti onirici a volte spiazzanti e surreali. Per visitare la mostra vi consiglio la prenotazione. Ricordo anche che ci sono diversi laboratori tematici divisi a seconda dell'età: Mattoncino su mattoncino... dedicato ai bambini di 4-5 anni, L'arte non ha regola iniziativa per bambini dai sei ai 10 anni e Talenti in corso per i ragazzi. Tutti i laboratori hanno un costo di 11,50 mentre per gli adulti accompagnano 5 euro. Orari e info li potete trovare qui. Buona visita a tutti