venerdì 15 dicembre 2017

Maltrattamenti a tutti bimbi: sopratutto se stranieri

















Cronaca bambina. Le due maestre educavano i bambini a suon di righello, tirate d'orecchio, schiaffi e incitano i bambini alla violenza reciproca. Sono questi i fatti emersi dalle indagini svolte nell'unica scuola d'infanzia del piccolo centro San Giorgio Albanese in provincia di Cosenza

La scuola d'infanzia è gratis? Rimane il principio

BolognaNidi

















Cronaca bambina. Oggi se ne discute in commissione e lunedì in consiglio. Poi la delibera, che introduce la retta di frequenza alla scuola d'infanzia anche a Bologna, avrà concluso il suo iter. Ieri si è svolto l'ultimo incontro tra amministrazione e i sindacati confederali e l'accordo è stato trovato. Il sindaco Merola dichiara la sua soddisfazione:

Riforma 0-6? Non basta per rilanciare nidi e scuole. Parola a Marcello Pacifico

BolognaNidi



















Cronaca Bambina Arriva il via libera definitivo dal Consiglio dei Ministri per l'approvazione del Piano nazionale pluriennale di azione per la promozione del sistema integrato di istruzione da 0 a 6 anni. Il Ministro alla scuola Fedeli, che ha portato decreto e i finanziamenti a traguardo, commenta così "Quando a gennaio abbiamo deciso di portare avanti i decreti attuativi della legge 107, lo abbiamo fatto nella consapevolezza che sono una parte estremamente qualificante della riforma. E il decreto sul sistema 0-6 anni ne è una chiara dimostrazione". La strada, per attuare il nuovo sistema, è ancora lunga e le critiche arrivano subito.

giovedì 14 dicembre 2017

Nidi a Natale? "Così i bambini perdono un tempo carico di significati" Parola a Micol Tuzi

BolognaNidi


















Intervista a...In questi giorni si è molto discusso rispetto ai nidi aperti a Natale. L'apertura "straordinaria" durante i festivi è resa possibile dalla nuova legge (leggi qui) voluta dalla Vicepresidente delle regione Emilia Romagna Elisabetta Gualmini. La legge consente maggiore flessibilità sia per organizzare il calendario annuale che per regolare l'orario giornaliero. E in realtà, non c'è molto di nuovo sotto il sole, perché sono già tanti i nidi privati in convenzione che offrono queste possibilità. Anche a Bologna ci sono servizi aperti a calendari e orari flessibili,con profonde differenze qualitative. (leggi qui). Nei fatti, la nuova legge, porta attenzione ad un tema vecchio e molto delicato da affrontare che si sposta tra i diritti del lavoro e i diritti dei bambini. Per capire meglio abbiamo incontrato la pedagogiste delegata rsu cgil per il comune di Bologna Micol Tuzi.

mercoledì 13 dicembre 2017

I nidi fanno bene se di qualità..eppure














"In molte realtà territoriali, gli asili nido comunali hanno un numero di iscrizioni decisamente inferiore rispetto ai posti disponibili e talvolta la mancanza di domanda da parte delle famiglie determina la chiusura di strutture pubbliche".

martedì 12 dicembre 2017

I nidi descritti dall'Istat: aumentano le rette e servizi privati

BolognaNidi













Oggi l'Istituto di statistica Italiana (Istat) ha pubblicato i dati relativi ai nidi e i servizi educativi (con riferimento all'anno educativo 2014-15). Si confermano molte tendenze già in essere da diverso tempo. Grande divario di diffusione tra nord e sud. E questo nonostante gli investimenti dei fondi PAC espressamente attribuiti alla 4 regioni del sud più in difficoltà. (leggi il nostro report qui
Due numeri, del breve report dell'Istat saltano all'occhio: i nidi e si servizi educativi 0-3 hanno rette sempre più alte  per le famiglie e la gestione del privato (sia i privati che la gestione indiretta) è in aumento con un 64% dell'offerta complessiva. I servizi nel 2014-15, dopo una flessione registrata circa due anni fa, conoscono un leggero aumento dell'offerta generale. Così come la spesa per le famiglie aumenta cala invece la spesa dei comuni con un abbattimento pari al meno 5%.

Un anno dopo il terremoto. Come stanno nidi e scuole nelle Marche? Parola a Loretta Bravi


Loretta Bravi











E' trascorso oltre un anno dal terremoto di magnitudo 6.5 che ha sconvolto il centro Italia. La situazione è complessa da descrivere. Molto rimane da fare,  molto si sta facendo, e le polemiche sulla ricostruzione non sono mancate, nemmeno lo scorso 30 ottobre, ad un anno preciso dal terremoto. (leggi qui). Per capire meglio come stanno i nidi e le scuole d'infanzia nelle Marche abbiamo incontrato e intervistato l'assessore all'istruzione alla formazione e la lavoro Loretta Bravi.